CONVEGNO - Stop bullismo e cyberbullismo

Stop bullismo e cyberbullismo - Convegno finale del progetto “Guardare Oltre”

Il contrasto dei fenomeni del bullismo tradizionale e di quello online, conosciuto come cyberbullismo, rappresenta una sfida globale alla quale non possiamo sottrarci.

Gli effetti dannosi di tali comportamenti hanno implicazioni sociali molto ampie, sia per le vittime che per gli autori: tra queste, c’è lo sviluppo sociale personale, l'educazione ed il benessere psico-fisico dei minorenni, con effetti negativi che possono protrarsi fino all'età adulta.

Il bullismo ed il cyberbullismo sono fenomeni che richiedono un intervento efficace e misurato, proprio perché la loro diffusione provoca effetti dannosi sull’apprendimento e sul comportamento dei minorenni.

Per questo, dopo il primo convegno “Stop bullismo e cyberbullismo”, tenutosi lo scorso settembre 2018, il Centro per la Pace ha realizzato un progetto “Guardare Oltre”, con lo scopo di informare e sensibilizzare su questi fenomeni.

Il Centro per la Pace del Comune di Bolzano, sotto la gestione della Caritas, in collaborazione con la Fondazione Carolina e l’Istituto Marcelline di Bolzano, vi invita cordialmente ad assistere al convegno

Giovedì 14 Ottobre 2021

ore 17:30 presso l’istituto Marcelline con ingresso da via principe Eugenio di Savoia, Bolzano

Programma:

Saluti iniziali dell’Ispettore Silvano Trolese - Direzione Istruzione e Formazione italiana

Presentazione del video conclusivo dei laboratori facenti parte del progetto “Guardare Oltre”, a cura degli alunni delle classi medie dell’Istituto Marcelline

Intervento:

Paolo Picchio – fondatore e presidente onorario della “Fondazione Carolina”

Alice Panicciari – psicologa esperta in infanzia e adolescenza

Michele Piccolin – psicologo forense e referente regionale AIPG

Ingresso libero e fino ad esaurimento posti.

Per accedere è necessario esibire il Green pass.

Il convegno si aprirà con i saluti dell’Ispettore Silvano Trolese, che parlerà delle misure che le istituzioni locali hanno preso per arginare il fenomeno.

In seguito ci sarà l’intervento "Le parole fanno più male delle botte: la storia di Carolina” di Paolo Picchio, padre di Carolina, prima vittima riconosciuta di cyberbullismo

in Italia, il quale porterà la sua testimonianza, raccontando la sua perdita e le lotte per far approvare la prima legge a tutela dei minori sul web.

La nostra seconda ospite, la dott.ssa Alice Pannicciari, psicologa scolastica per l'infanzia e l'adolescenza, parlerà della genitorialità ai tempi dei social e dell'importanza della comunicazione nello sviluppo affettivo e relazionale.

Infine, il dott. Michele Piccolin, psicologo forense e referente regionale AIPG, descriverà i danni neuropsichici che possono essere causati dal bullismo e dal cyberbullismo.

Back to Top